logo area parchilogo area parchilogo area parchi

La corsa verde di 70 mila donatori "Vogliamo arrivare a 100 milioni di euro"

(15 Luglio 2021) - Il progetto Forestami da 3 milioni di alberi sostenuto da cittadini, aziende e Comuni: entro l'anno completate le prime 300 mila piantumazioni

Oltre trecentomila alberi che entro il 2021 avranno messo radici nei parchi o lungo le strade di Milano e dell'hinterland, quasi due milioni di euro che saranno donati da imprese e cittadini e altri due in arrivo da un bando pubblico appena vinto.

Sono questi i numeri che chiudono la prima fase di Forestami, il progetto verde che punta a piantare tre milioni di alberi in tutta la Città Metropolitana entro il 2030.

Un traguardo molto ambizioso e ancora lontano ma che, sottolinea Beppe Sala, «è iniziato con il piede giusto». Ci vuole tempo «per le trasformazioni ambientali», precisa il sindaco, «ma mai uno parte mai arriva».

Il primo traguardo tondo tondo della campagna di riforestazione arriverà alla fine di quest'anno, grazie ad un mix di fondi pubblici e privati: sul piatto della Milano alberata ci sono 2,3 milioni che la Città Metropolitana porterà a casa come vincitrice, con cinque progetti presentati, di un bando del ministero dell'Ambiente che punta alla tutela delle biodiversità. Un finanziamento che permetterà di mettere a dimora 32.574 nuove piante a Milano, Rho, Pioltello, Settimo Milanese e Corsico e che si aggiunge ai due milioni che entro la fine dell'anno cittadini e imprese avranno donato al progetto. Perché quello di dare ossigeno e verde a Milano e dintorni è diventato un piano collettivo, che coinvolge tutte le anime green della città. Ad oggi i benefattori sono quasi ottantamila, di cui una settantina sono grandi e piccole aziende: circa un milione di euro è la cifra raccolta ad oggi, cui si aggiunge la promessa, a dicembre, di raddoppiare grazie a diversi grandi mecenati. L'obiettivo, ambizioso, lo scrive nero su bianco il project manager Fabio Terragni; «Dobbiamo raccogliere almeno cento milioni di euro».

Alla caccia ai fondi si aggiunge, poi, quella ai terreni che possano accogliere nuovi filari. Un compito più semplice nelle aree attorno alla città, più arduo invece nel tessuto urbano milanese. Anche se qui, nella stagione agronomica partita a novembre 2020 e chiusasi a marzo, sono state messe a dimora 28 mila piante: nel quartiere Adriano, a Citylife, all'ombra della Piramide di Herzog a Porta Volta, vicino al nuovo Campus dell'università Bocconi, in piazza Piola, viale Jenner, corso Como, in alcuni parchi come il Cassinis e il Bosco in Città. Nella Città Metropolitana di Milano gli alberi sono stati piantati nei comuni di Bareggio, Bollate, Buccinasco, Busto Garolfo, Cassano D'Adda, Cerro al Lambro, Cinisello Balsamo, Cesano Boscone, Corbetta, Gaggiano, Gorgonzola, Lainate, Melegnano, Melzo, Morimondo, Parabiago, Pantigliate, San Zenone al Lambro, San Donato Milanese, Sesto San Giovanni, Settala, Rosate, Rodano, Vimodrone.

Sulla mappatura delle aree libere e papabili per le piantumazioni, sull'attività di continua ricerca e sulla firma dei protocolli di intesa con i vari Comuni è al lavoro un team di specialisti del Politecnico: «Nell'ambito dello sviluppo del progetto Forestami sul territorio metropolitano, quest'anno abbiamo siglato protocolli d'intesa con 45 Comuni», spiega Maria Chiara Pastore direttore scientifico di Forestami e responsabile del Future City Lab del Politecnico.

Tra il prossimo autunno e la primavera del 2022 si partirà con le nuove messe a dimora di altri 10 mila alberi: Cornaredo, Trezzano sul Naviglio, Vimodrone, il parco Forlanini a Milano sono alcune delle aree destinate ai nuovi arrivi. Nel frattempo a settembre, in occasione del Salone del Mobile, alla porta Est della fiera di Rho a dare il benvenuto ai visitatori ci sarà un bosco di cento piante ad alto fusto che, conclusa la design week, saranno trasferiti al Parco Nord. A novembre, poi, in occasione della Giornata nazionale degli alberi, i cittadini potranno custodire e accudire alcune piante forestali messe a disposizione gratuitamente dall'Ersaf (Ente regionale per foreste e agricoltura). Duemila esemplari a cui milanesi e non solo dovranno promettere cure premurose per mantenerle in buona salute. «Stiamo vivendo un cambiamento epocale - spiega l'architetto Stefano Boeri, presidente del comitato scientifico - e Milano, sui progetti di forestazione, è oggi all'avanguardia in Italia e in Europa».



Fonte: La Repubblica Milano

foto della notizia
contatti
© 2021 - AREAParchi
c/o Cascina Centro Parco - Parco Nord Milano
Via Clerici, 150 - 20099 Sesto San Giovanni (MI)
Tel. 02/241016219 - Fax 02/241016220 - E-mail: areaparchi@parconord.milano.it
 
logologo
sistemaparchi
in collaborazione con:
logologo
 
arpalombardia istruzione lombardia flanet federparchi cets ersaf