logo area parchilogo area parchilogo area parchi

Didattica verde e sostenibile La Bicocca disegna il futuro

Al via i lavori dell'edificio "Logos" a sei piani con aule anche all'aperto Il progetto prevede pure un bosco di 19mila metri quadrati. La rettrice Iannantuoni: saremo integrati nell'ambiente. Sala: guardiamo al futuro

(11 Giugno 2021) - Lezioni all'aperto in un bosco urbano aperto a tutti i milanesi in cui spunteranno laboratori e anfiteatri didattici immersivi, circondati da laghetti.

La biodiversità è la cornice in cui fra due anni (i lavori finiranno nel 2023) sorgerà "Logos", il nuovo edificio dell'Università Bicocca di Milano con il quale viene completato il piano di riconversione delle aree una volta occupate dagli stabilimenti della Pirelli.

Ieri mattina, tra viale dell'Innovazione, via Stella Bianca, via Sesto S an Giovanni e via Fubini, è stata posata la prima pietra del nuovo blocco U-10 alla presenza del sindaco di Milano Giuseppe Sala, dell'assessore per Università e Ricerca della Regione Lombardia, Fabrizio Sala, e della rettrice di Milano-Bicocca, Giovanna Iannantuoni. Proprio nel giorno in cui l'Università Bicocca spegne 23 candeline, proiettandosi in un futuro decisamente green . Oltre all'area all'aperto, un bosco di 19 mila metri quadri con quasi 2 ettari di verde che confluiranno nel Parco Nord grazie a isole fiorite e ai numerosi spazi verdi che stanno sorgendo in ateneo e nel quartiere, il progetto prevede un edificio di sei piani con laboratori, aule innovative con arredi mobili e modulari e alloggi per studenti. «Lo spazio e il modo in cui lo si arreda ha infatti un'influenza sulle relazioni tra le persone, sulla qualità dell'ascolto reciproco, dell'apprendimento e anche sul metodo di lavoro - ha detto la rettrice di MilanoBicocca, Giovanna Iannantuoni -, e oggi disegniamo una nuova idea di formazione e ricerca sostenibile. Un passo in questa direzione lo avevamo già fatto con l'inaugurazione del vivaio Bicocca - un laboratorio di ricerca all'aperto dove studenti e cittadini possono vivere la foresta urbana -, ma con l'U10 sottolineiamo l'impegno di alla progettazione dell'università del futuro: aperta, sostenibile e soprattutto integrata nell'ambiente». «L'Università Bicocca è un ateneo che sa guardare al futuro in modo giovane e nuovo - ha comm entato anche il sindaco Sala -. L'idea di realizzare uno spazio di formazione e ricerca che sia al tempo stesso sostenibile, tecnologico, in dialogo con la natura è lungimirante, oltre che culturalmente stimolante per i ragazzi che lo frequenteranno per studiare, fare attività di laboratorio e che qui alloggeranno. La Bicocca ha da tempo fatto suoi i valori e le sfide aperte della transizione ambientale e dello sviluppo sostenibile: con questo innovativo edificio si conferma capace di leggere le necessità del nostro tempo e si presenta come punto di riferimento e modello per lo sviluppo urbano di Milano». La pandemia ha accelerato la necessità di vivere anche gli spazi all'aperto dell'università e l'ateneo, che sorge in un quartiere che ha subito moltissime trasformazioni, ha deciso di rinominare tutti i suoi edifici accanto ai vecchi numeri che li caratterizzano: «L'idea di dare nuovi nomi agli edifici - ha spiegato anche Giampaolo Nuvolati, prorettore per i rapporti con il territorio - vuol essere un'azione per dare identità ai luoghi e riconoscibilità simbolica agli spazi urbani. Abbiamo guardato a parole greche e latine, fonti del sapere umanistico e scientifico, per rivolgerci al futuro». Solo due edifici, l'U9 e l'U17, non sono ancora stati ribattezzati perché il loro nome verranno invece scelti dagli studenti tra una rosa di proposte: Genius, Scientia e Koinè per l'U9; Forum, Ipazia e Animus per l'U17.



Fonte: Avvenire, Milano

foto della notizia
contatti
© 2021 - AREAParchi
c/o Cascina Centro Parco - Parco Nord Milano
Via Clerici, 150 - 20099 Sesto San Giovanni (MI)
Tel. 02/241016219 - Fax 02/241016220 - E-mail: areaparchi@parconord.milano.it
 
logologo
sistemaparchi
in collaborazione con:
logologo
 
arpalombardia istruzione lombardia flanet federparchi cets ersaf