logo area parchilogo area parchilogo area parchi

“RILOTUS” progetto sperimentale sul riuso dei fiori di loto in ottica ecosostenibile

Fondazione BAM finanzia il progetto del Parco del Mincio, oggi avvio delle attività.

(Mantova, 12 Agosto 2021) - Nell'anno del centenario della presenza dei fiori di Loto a Mantova, il Parco del Mincio avvia una sperimentazione destinata a verificare la possibilità di riuso della biomassa di questa specie a fini cosmetici. Il progetto si chiama "Rilotus", è una fase sperimentale e inizia questa mattina (giovedì 12 agosto, ndr) con la raccolta di alcuni campioni di fiori, da destinare all'essicazione alla successiva estrazione di principi attivi da destinare all'uso cosmetico.

L'idea ha preso corpo dopo un percorso avviato lo scorso anno con il sondaggio dei possibili soggetti economici da coinvolgere nella filiera e che operano nel campo della moda, dell'editoria, della cosmetica ed è su questa ultima filiera che si sono registrate – dopo alcuni sondaggi di laboratorio – le più concrete possibilità d'azione che vedono protagonista un'industria di rilevanza internazionale.

La sperimentazione si è resa possibile grazie al finanziamento ottenuto dalla Fondazione Banca Agricola Mantovana che ha messo a disposizione del Parco 10.000 euro, ovvero le risorse necessarie ad avviare questa prima fase. Alle spalle c'è un lavoro di ricerca e verifica di fattibilità portato avanti assiema al Parco dai due partner di progetto: la Cooperativa sociale Santa Lucia di Asola che metterà a disposizione il personale necessario alla separazione dei fiori, confezionamento protetto e conferimento all'essicatoio e Econsulting-SostenAbility che fin dalle prime fasi ha affiancato il Parco nello sviluppo progettuale e nel reperimento delle imprese private interessate a testare il possibile utilizzo della massa vegetale seguendo il modello dell'economia circolare.

Nella mattinata di oggi (giovedì 12 agosto, ndr) si svolge, con la collaborazione della società Canottieri Mincio che ha messo a disposizione una sua imbarcazione, la raccolta di circa 300 fiori.

"I fiori di loto sono presenti nel lago Superiore da 100 anni e sono diventati un'icona di bellezza per Mantova, risorsa di attrazione turistica e così continuerà ad essere. Ogni anno il Parco investe migliaia di euro per effettuare sfalci mirati a ridurne l'estensione – spiega il Presidente del Parco Maurizio Pellizzer – ma la gran massa vegetale che in ogni caso si forma, a fine stagione si deposita sul fondo del lago accumulando così ogni anno una grande quantità di carico organico. Se la sperimentazione avrà successo si potrà proseguire nella ricerca di ulteriori partner interessati al riutilizzo delle fibre presenti nei fusti e nelle grandi foglie, recuperando così la biomassa e ottenere due risultati in uno: tenere sotto controllo lo sviluppo delle formazioni e riutilizzare una risorsa naturale".

"Il Lago Superiore e le Valli pagano un tributo elevato causato dalle attività antropiche del presente e del passato - spiega il Direttore Cinzia De Simone - : l'eccessiva presenza di nutrienti alimenta un costante aumento di macrofite (fiori di loto e Ludwigia grandilflora) e per questo Rilotus si pone come una sperimentazione di grande interesse per il Parco. Ringraziamo i partner che ci hanno affiancato nel percorso di progettazione, la fondazione BAM che ha permesso l'avvio della sperimentazione e l'impresa privata che si impegnerà a utilizzare l'essenza dei loto di Mantova. Siamo in attesa di scoprire i risultati dello studio e quale prodotto cosmetico potrebbe nascere".

Le 100 candeline del compleanno della presenza dei loto a Mantova non potevano ricevere augurio migliore. La botanica Maria Pellegreffi che li portò nel lago Superiore esattamente un secolo fa pensava a un uso alimentare dei rizomi. Cambiano i tempi ma quella prima idea di ecologia (economia) circolare sembra oggi poter prende corpo.


(Parco del Mincio)
foto della notizia
Il fiore del loto sarà protagonista della sperimentazione - Foto N. Rodriguez
foto della notizia
Foto di Luca Bulgarelli
contatti
© 2021 - AREAParchi
c/o Cascina Centro Parco - Parco Nord Milano
Via Clerici, 150 - 20099 Sesto San Giovanni (MI)
Tel. 02/241016219 - Fax 02/241016220 - E-mail: areaparchi@parconord.milano.it
 
logologo
sistemaparchi
in collaborazione con:
logologo
 
arpalombardia istruzione lombardia flanet federparchi cets ersaf